L'URLO DELL'ANIMA

L’URLO DELL’ANIMA

L’urlo dell’anima” è il mio primo libro di poesia.  Tutto nasce dal desiderio, dal bisogno di andare oltre se stessi, portando il lettore portando il lettore ad una nuova ed importante consapevolezza nel considerare la diversità come fonte di ricchezza divina da cui si evincono le profonde fonti d’amore e di coraggio. L’unico limite che non consente di tastare queste grandi sfumature che la vita genera è il pregiudizio. Mi piace pensare sempre la frase del libro del Piccolo principe “L’essenziale è invisibile agli occhi”, penso che se solo si concentrassimo a guardare solo con gli occhi di un bambino amplieremo i nostri orizzonti e scopriremo un amore concreto e profondo verso noi stessi e le altre anime. È una raccolta di versi celati nei meandri dell’anima, musa ispiratrice di tanti momenti di vita. Gioie, dolori, speranze, orizzonti non sempre raggiungibili, ma anche amicizie, amori, luoghi che hanno risvegliato incondizionatamente la sua anima. Poesie come specchio dell’anima, come cura di una malattia priva di nome. Per l’autrice la poesia è tutto ciò che con una sola parola si impossessa del nostro cuore e attorciglia lo stomaco, scava il passato richiamando in vita i nostri ricordi, che il più delle volte fa da eco a dolori vissuti.

Di seguito vi propongo una poesia della raccolta:

L’urlo dell’anima

Pensavo che non avesse la giusta cura

questa ferita nell’anima

reclusa di tanti sogni rubati

schiava di mille silenzi non ascoltati.

Gridavo, imploravo aiuto

nessuno guardava

gli occhi miei.

Urli silenziosi

gonfi d’emozioni sempre più fragorose

lacrime bagnate di parole

pulsavano al ritmo del mio cuore.

Poi due occhi splendenti,

un sorriso sapiente

mi lesse oltre il labiale.

Dovevo starla ad ascoltare

ora che si era fatta baciare la mano per farmi calmare

guardandomi negli occhi

e tenendomi per mano

mi supplicò di iniziare ad urlare.

Era l’ultimo storcente urlo dell’anima

che mi riportò al paradiso

grazie al suo sorriso.

(Grazia Sposito)

Previous Post Next Post

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply